Pubblicato ieri l’aggiornamento del Regolamento CONI agenti sportivi nonché del relativo Regolamento disciplinare.
Significative novità, o per meglio dire, precisazioni apportate alla normativa specialistica di settore, in particolare, per gli agenti registrati dopo il 1° aprile 2015 presso Federazioni estere (UE ed Extra-UE) che intendano operare in Italia ricorrendo all’istituto della domiciliazione (la cui iscrizione si puntualizza sarà anch’essa per l’anno solare) sin dalla presente sessione di calciomercato estiva anche esplicando l’attività attraverso persona giuridica.

A ciò si aggiunga, oltre a una riorganizzazione in termini di composizione della Commissione CONI e del supporto al RUP, la previsione di nuove sezioni nel registro e la comunicazione al Cliente, già al momento dell’assunzione del mandato degli estremi della polizza assicurativa dell’agente sportivo, nonché doveri maggiori che è tenuto a osservare l’agente.

Rilevanti, inoltre, le novità di cui all’art. 19, comma 2, per ciò che concerne l’organizzazione dell’attività in forma societaria, mentre invece viene demandato direttamente al nuovo Regolamento Disciplinare Agenti Sportivi – pubblicato anch’esso nella giornata di ieri –  quanto disposto all’art. 20 della previgente versione del Regolamento (regime sanzionatorio per comportamenti rilevanti sul piano deontologico e disciplinare).

A integrazione di quanto già espresso all’art. 21 (e nel nuovo Regolamento Disciplinare), comma 6, viene infine espressamente prevista una disciplina specifica di incompatibilità all’iscrizione ai due Registri (Federale e Nazionale) per coloro che abbiano espletato l’attività di agente senza essere iscritti nel Registro federale e/o nazionale.

Il Regolamento CONI comporterà, dunque, un adeguamento anche di quello FIGC (e delle altre 3 Federazioni che prevedono il professionismo: basket golf e ciclismo).

In attesa di specifico approfondimento in ordine alla regolamentazione aggiornata, di seguito è possibile consultare il testo del Regolamento CONI Agenti Sportivi nonché del relativo Regolamento disciplinare:

https://www.coni.it/images/Professioni_Sportive/REGOLAMENTO_CONI_AGENTI_SPORTIVI_-_pubblicato_il_20_luglio_2021.pdf

https://www.coni.it/images/Professioni_Sportive/REGOLAMENTO_DISCIPLINARE_CONI_AGENTI_SPORTIVI_-_pubblicato_il_20_luglio_2021.pdf

Fonte: CONI

Avv. Antonio d’Atri: agentesportivo.legalconsulting@gmail.com 

Dirittosportivo.com ISSN: 2723-9268.

Di Antonio d'Atri

Avv. Antonio d’Atri – agentesportivo.legalconsulting@gmail.comAvv. di diritto sportivo e Agente Sportivo regolarmente iscritto presso CONI e FIGC.Laureatosi in Giurisprudenza presso la LUMSA nel 2005 con una tesi in diritto sportivo dal titolo “Le società sportive nel diritto comunitario”, si occupa inizialmente dell’affiliazione delle società sportive dilettantistiche presso la FITET svolgendo, al contempo, un corso di alta specializzazione sull’internazionalizzazione delle imprese e uno sul diritto dello sport, con particolare riferimento a quelle sportive calcistiche.Successivamente, ottiene la “licenza-il titolo abilitativo” di Agente Fifa autorizzato FIGC superando il relativo esame e consegue, altresì, il titolo di avvocato specializzandosi anche nel diritto sportivo sia in ambito giudiziale che stragiudiziale.Relatore a diversi convegni e incontri di diritto sportivo trattando, in particolare, l’evoluzione della normativa in materia di agenti sportivi, i trasferimenti di calciatori professionisti nonché l’assistenza legale e le tutele sia contrattuali che sindacali previste dalla normativa statuale e specialistica di settore.Consegue Master in regolazione dell’attività e dei mercati finanziari presso LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali “Guido Carli).Avvocato fiduciario della IAFA (Italian Association of Football Agents).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.